RALLY CLUB VALPANTENA – 3.000 PER I COMUNI VENETI COLPITI DAL MALTEMPO

12 dicembre 2018

Martedì 11 dicembre, nella Sala Giunta del Consiglio della Regione Veneto a Palazzo Ferro Fini a Venezia, una delegazione del Rally Club Valpantena, ha devoluto 3.000 Euro in beneficenza in favore dei comuni veneti colpiti dal maltempo di ottobre-novembre scorso. A ritirare l’assegno è stato Gianpaolo Bottacin, Assessore all’Ambiente e Protezione Civile della Regione Veneto, coinvolto nell’iniziativa grazie alla fondamentale collaborazione del Sindaco di Grezzana Arturo Alberti presente alla cerimonia di consegna insieme al nuovo Sottosegretario di Stato alla Salute, il veronese Luca Coletto.
Come ogni anno, il Rally Club Valpantena destina infatti una cifra al termine dell’evento più importante organizzato dal sodalizio, l’omonimo Revival Rally Club Valpantena che ha disputato la sua 16^ edizione lo scorso novembre, ai comuni che collaborano fattivamente all’organizzazione della manifestazione concedendo il passaggio sul suolo comunale per l’organizzazione delle prove cronometrate a tempo. In accordo con i sindaci coinvolti dall’edizione 2018, Arturo Alberti di Grezzana, Alessandra Caterina Ravelli di Roverè Veronse, Nadia Maschi di Cerro Veronese, Claudio Melotti di Bosco Chiesanuova ed Emanuele Anselmi di Badia Calavena hanno accolto la proposta del Club guidato da Roberto “Bob” Brunelli e di dirottare il contributo ai comuni che hanno subito gravi danni per il maltempo dello scorso mese.
Da segnalare che anche il Gruppo Alpini Valpantena, nel corso delle verifiche sportive e tecniche del 16° Revival Rally Club Valpantena lo scorso giovedì 8 novembre, ha raccolto circa 350€ da parte di appassionati e sostenitori che sono stati versati sullo stesso conto corrente pro zone colpite “Veneto in Ginocchio”.
«Tradizionalmente il Rally Club Valpantena vuole essere vicino alle amministrazioni e al territorio» ha detto il presidente Roberto “Bob” Brunelli a nome di tutto il Comitato Organizzatore composto da Gian Urbano Bellamoli, Sergio Brunelli, Paolo Saletti ed Alberto Zanchi. «Il motorsport, per quanto affascinante e spettacolare è una disciplina che inevitabilmente crea disagio ai residenti e agli abitanti, ed è per questo che come segno di riconoscenza abbiamo sempre sempre pensato negli ultimi anni ai “nostri” comuni al termine del Revival. Quest’anno la manifestazione si è disputata proprio a ridosso dei gravissimi episodi che hanno colpito il Veneto e questo ci ha toccato nel profondo. In accordo con i sindaci del territorio abbiamo pensato quindi di versare la tradizionale quota sul conto corrente aperto dalla Regione Veneto come “Veneto in Ginocchio”. Un piccolo contributo con il quale speriamo di poter fare qualcosa di importante nel lungo processo di ricostruzione e ripristino dell’ambiente, così duramente colpito».

Pin It on Pinterest