Talenti Azzurri FMI Enduro: buona la prima a Passirano

28 febbraio 2018

Prestazioni convincenti dei Talenti Azzurri FMI nel primo appuntamento stagionale degli Assoluti d’Italia-Coppa FMI/Coppa Italia di Enduro: Andrea Verona sfiora la vittoria assoluta e primeggia nella Junior a precedere Matteo Cavallo, affermazioni di classe per Davide Soreca (300) e Claudio Spanu (Youth).

Esordio stagionale da rimarcare per i Talenti Azzurri FMI dell’Enduro impegnati a Passirano (BS) nella prima tappa degli Assoluti d’Italia-Coppa FMI/Coppa Italia 2018. Davanti ad un pubblico delle grandi occasioni i giovani piloti coinvolti nel progetto della Federazione Motociclistica Italiana hanno messo in mostra il loro valore, iniziando la stagione 2018 con il piglio giusto e con risultati che attestano il loro potenziale tecnico-agonistico.

Da Campione del Mondo Enduro Youth in carica, Andrea Verona è stato uno degli indiscussi protagonisti in quel di Passirano. Dominatore della classe Junior, il giovane vicentino ha conteso fino all’ultimo ad uno specialista del calibro di Alex Salvini la vittoria assoluta, sfumata soltanto sul finale di gara per 22 secondi.

Un piazzamento di prestigio per Verona così come per l’altro Talento Azzurro Davide Soreca, al comando delle battute iniziali della contesa (e secondo nel prologo) fino ad una caduta che lo ha relegato al decimo posto assoluto, senza tuttavia mancare il bersaglio rappresentato dall’affermazione di classe 300. Per “Showreca” l’infortunio alla mano sinistra non pregiudicherà i prossimi impegni previsti dal calendario, Mondiale compreso.

Tra i Talenti Azzurri FMI presenti nell’atto inaugurale del massimo campionato nazionale Enduro si è comportato egregiamente anche Claudio Spanu aggiudicandosi il primo posto nella Youth, mentre nella Junior hanno fatto esperienza Matteo Cavallo (positivo 2° di classe e 8° assoluto), Lorenzo Macoritto (4° di classe), Emanuele Facchetti (5°) e Mirko Spandre (8°).

Lodevole infine la determinazione espressa dai piloti supportati dalla FMI nella 50 con Lorenzo Bernini, Andrea Spagliccia e Riccardo Fabris che si sono comportati bene, dando il massimo nonostante le avversità presentate dal percorso e dalle avverse condizioni meteorologiche.
Cristian Rossi, Direttore Tecnico Enduro FMI: “Come esordio stagionale il bilancio dei nostri Talenti Azzurri è decisamente positivo. Andrea Verona ha messo in mostra delle performance sopra le righe, con una condotta di gara esemplare che gli ha permesso di sfiorare la vittoria assoluta ed aggiudicarsi, oltretutto con margine, la graduatoria Junior. Dopo un trionfale 2017 ci si aspettava tanto da lui e devo dire che non ha tradito le attese: anzi, ha perfino superato le aspettative generali. Molto bene nella Junior anche Matteo Cavallo, secondo di categoria e ottavo assoluto, così come Lorenzo Macoritto ha messo in mostra un buon potenziale. Per Emanuele Facchetti e Mirko Spandre non è stata certamente una prova d’apertura facile, ma sono convinto che nel prosieguo della stagione daranno prova del loro valore. Mi preme sottolineare la prestazione di Davide Soreca, velocissimo prima di una caduta che non gli ha precluso la vittoria della 300, ma senza questo contrattempo poteva stare più avanti nell’assoluta. Soddisfazione da parte nostra anche per il successo di Claudio Spanu nella Youth e per la determinazione profusa dai giovanissimi dei “cinquantini”: nonostante il percorso insidioso Lorenzo Bernini, Andrea Spagliccia e Riccardo Fabris non si sono persi d’animo, maturando una preziosa esperienza in condizioni climatiche avverse che gli tornerà utile per il futuro“.

Pin It on Pinterest