L’Audi R8 LMS EVO al via del Campionato Italiano GT Sprint 2019

30 Aprile 2019

Per la prima volta dal 2015 la stagione agonistica di Audi Sport Italia inizia a Roma, all’autodromo intitolato all’asso del volante Piero Taruffi. Il Campionato Italiano Gran Turismo quest’anno si è diviso in due, lasciando a piloti e team la scelta tra la serie Endurance e la serie Sprint: la squadra diretta da Emilio Radaelli prenderà parte alle otto corse che assegneranno lo “scudetto” tricolore Sprint, suddivise in quattro trasferte.

I nuovi piloti dell’Audi R8 LMS numero 7 debuttano con la squadra italiana dei quattro anelli, ma sono abituali protagonisti del mondo GT. Il bellunese Andrea Fontana (classe 1996) è uno dei driver italiani più promettenti dell’ultima generazione impegnata nelle ruote coperte e lo scorso anno è stato in lizza per il titolo tricolore finoalla penultima tappa, vincendo anche al Paul Ricard. In sei delle otto corse Sprint lo affiancherà il factory-driver Audi Pierre Kaffer. Il tedesco, che ha venti anni più del veneto, ha corso da pilota ufficiale con alcuni dei più prestigiosi marchi del GT mondiale e da un paio di stagioni è di nuovo sotto contratto con Ingolstadt, dove sanno a memoria che nel suo curriculum ci sono vittorie GT sulle piste di tre continenti, incluse Le Mans, Daytona e Sebring. A Fontana difficilmente poteva capitare di dividere la R8 LMS con qualcuno con più esperienza.

Kaffer ha appena corso con la R8 LMS Evo lo scorso settimana ad Oschersleben nel campionato tedesco terminando nella Top10, mentre Fontana finora ha preso contatto con l’Audi proprio a Vallelunga, mercoledì della passata settimana. Rispetto alla R8 LMS 2018, la versione Evo 2019 dispone di miglioramenti funzionali al raffreddamento e alla trasmissione. La modifica visibile riguarda invece il kit aerodinamico anteriore, finalizzato a migliorare l’efficienza della vettura. Il kit di aggiornamento ha portato la maggior parte dei promotori internazionali e nazionali a modificare il Balance of Performance del modello Audi. La R8 LMS 2019 guadagna in potenza, poiché è stata pressoché unanime l’adozione di restrittori con diametro di 40mm invece di quelli precedenti con sezione da 39, ma ha anche “messo su” chili. Il peso minimo di 1240 kg dell’ultima gara 2018 (vinta al Mugello) diventerà sulla bilancia di Vallelunga 1300 kg.

Pin It on Pinterest